Crea sito

 

Germano Del Mastro

 

Progressive, Painting & Fingerstyle

 

 

 

         

 

La generazione della Terra di mezzo

Questo "spazio" nasce dal  desiderio di raccontare una storia. Una storia irrisolta che è innanzitutto la mia, ma è anche quella della mia generazione: gli abitanti della Terra di mezzo.

Hobbits...nati per lo più tra il  1955 e il 1960 (salvo qualche eccezione)...e giunti troppo presto -o troppo tardi- ai grandi appuntamenti del secolo. Avevamo creduto che la trama del Reale fosse essenzialmente magica ma, alla fine, ci siamo rifugiati nei boschi della quotidianità.

Siamo stati la generazione del Progressive e siamo diventati gli apostoli del Fingerstyle. Ma almeno abbiamo avuto la forza di resistere alle tempeste. Di trovare una seconda lingua, di scoprire terre nuove.

 

 

Ah...dimenticavo......chi sono io? Uno hobbit come gli altri, solo...con un irriducibile desiderio di raccontare il proprio, insensato, percorso terreno attraverso la musica e la pittura...grazie a tutti voi che presterete ascolto alle mie storie!

                                                                           

 

 

 

Alle pendici del Vulcano   (dedicato a F. R.)

Questo brano è dedicato ad un amico, ed è un addio. Un saluto a quel modo di comporre  musica, il Progressive, che non sono riuscito  concretizzare negli anni in cui avrebbe avuto un senso: dal 1968 al 1974. Ma, come dicevo, ero ancora troppo giovane......

 

Nuvole alle pendici del vulcano

nembi scurissimi corrono

sospinti dal vento del nord

mi ricordo delle nebbie tra gli alberi

verdi d’un verde saturo di clorofille primordiali                                      

 

notte d’estate: il sonno che non giunge ancora

stanchi i miei occhi scorgono ulteriori realtà

intravedo paesaggi magnifici

cieli di giada, oceani

colonne d’oro e zaffiri, carovane

 

io, seguo prede tra balze e declivi

vestito con le pelli d’ un animale

E’ memoria di questa o d’altre vite?

Come quando tra veglia e sonno

rivedo città

che so non esistere

sotto il cielo

di questo nostro pianeta.

 

 

 

 

 

 

 

 

(Germano Del Mastro: Dalla periferia al Centro; acrilico su tela  100x70 )

 

 

 

1. Fall in Vermont

Con questo brano si può dire cominci la mia avventura con la chitarra acustica.  Credo risenta abbastanza delle atmosfere Progressive. D'altro canto il mio punto di vista sul Fingerstyle è improprio, profano: mi appare come una "spora"  che racchiuda in se ogni sorta di stili musicali: un Progressive - bonsai sulla sei corde? Il brano è in accordatura standard ed è suonato con una Martin 12 tasti: la 00028 VS.


Le   spore   sono   in   grado  di sopportare   condizioni

climatiche   estreme,  quali     temperature  elevate  o

siccità, e  restano   in uno stato di  quiescenza   fino

al    momento   in   cui     si    vengono   a    creare   le

 condizioni   ambientali  adatte  alla  germinazione  o  allo    sviluppo 

di  un  nuovo   individuo.

 

 

 

 

 

 

 

 

2. Giulietta va al lavoro

E' una canzone che nasce dalle atmosfere folk dei tardi sixtees. Nelle armonie come nel testo. Come molti fui stregato da quella irripetibile forma di tenerezza esercitata, tra gli altri, da Graham Nash, Joni Mitchell & Nick Drake.....

 

E Giulietta va al lavoro,

alle sette ogni mattina

è sempre lì che aspetta il tram.

Tra  le mani tiene un libro

che non riesce mai a finire

ma non sa il perché.

Legge due o tre righe appena e poi…

poi…si mette a sognare,

sogna di vite parallele

più vicine al suo cuore,

vite struggenti, appassionate

come un grande fiume in piena,

vite di luce e di perdono

che non si realizzeranno mai,

vite in cerca di qualcuno

che hai intravisto quella sera

e senti ancora i suoi occhi dentro ai tuoi 

Romeo, lui si alza tardi,

chè suona fino a notte piena

e quando riapre gli occhi ricominciano i guai.

Sente gli anni scivolare via

verso un mondo senza nome:

sogna solo in bianco e nero oramai.

Così cammina tra la gente,

di questa sporca città.

E’ come un angelo sperduto

da sempre in cerca di un amore:

vede Giulietta coi capelli al vento,

mentre distratta li raccoglie un po’,

e Romeo la guarda e ride,

gli occhi chiari da cretino,

con le ali spiegate già vola di primo mattino

 

 

 

(Germano Del Mastro: I KING; acrilico su tela  100x70 )

 

 

 

3. Era de Maggio   

E' una dei più bei brani del repertorio napoletano. Una canzone "perfetta". Sono stato molto incerto se affrontare l'arrangiamento per chitarra fingerstyle di un simile "monumento". Ma pare che il risultato sia piaciuto. Almeno, m'è valso l'inserimento in quel bel disco acustico prodotto da Fingerpicking.net: 34 VOLTE AMORE. L'ho suonata con la mia splendida Lowden  O25 in una particolare accordatura CFCFAF.

(1885) 
Versi di S. Di Giacomo — Musica di P. M. Costa 

Era de maggio e te cadeano ‘nzino 
a schiocche a schiocche li ccerase rosse... 

Fresca era ll’aria e tutto lu ciardino 
addurava de rose a ciente passe. 


Era de maggio — io, no, nun me scordo — 
na canzona cantàvamo a ddoje voce: 
cchiù tiempo passa e cchiù me n’allicordo, 

fresca era ll’aria e la canzona doce. 

E diceva. «Core, core! 
core mio, luntano vaje; 
tu me lasse e io conto ll’ore, 
chi sa quanno turnarraje!» 

Rispunnev’io: «Turnarraggio 
quanno tornano li rrose, 
si stu sciore torna a maggio 
pure a maggio io stonco cca». 

E so’ turnato, e mo, comm’a na vota, 
cantammo nzieme lu mutivo antico; 

passa lu tiempo e lu munno s’avota, 
ma ammore vero, no, nun vota vico. 


De te, bellezza mia, m’annamuraje, 

si t’allicuorde, nnanze a la funtana: 

l’acqua Ilà dinto nun se secca maje. 

e ferita d’ammore nun se sana. 


Nun se sana; ca sanata 

si se fosse, gioia mia, 

mmiezo a st’aria mbarzamata 

a guardare io nun starria! 


E te dico — Core, core! 
core mio, turnato io so’: 
torna maggio e torna ammore, 
fa de me chello che buo’! 

 

 

 

4. Crop Circles

Una delle mie prime fingerstyle-songs composte in DADGAD. Mi hanno ispirato quegli straordinari e misteriosi pittogrammi che compaiono, nottetempo, nei campi di grano dell'Inghilterra meridionale...il brano è eseguito con una Martin 00028 standard.

 

                                                                        

 

 

 

 

 

 

 

(Germano Del Mastro: Al di la dello Spazio e del Tempo; acrilico su tela  100x100 )

 

 

5. A seahorse in the sky

Un pezzo con colori sixtees & psichedelici. Ancora oggi è difficile sottrarsi al fascino di quel caleidoscopio sonoro generato da album come Magical Mistery Tour, al caos organizzato degli arrangiamenti ed all'apparente follia dei testi. Ancora oggi resta una lezione imprescindibile.

I’ve seen a seahorse in the sky

and it told me:” hei my friend!

Where do the stars are gone?”

 “There is no answer to your question,

my dear seahorse, take a cup of tea!

I have all my life in my eyes,

but there’s nothing that I can see.”

 So the seahorse became a submarine

and it wasn’t yellow

but only grey and pink 

 Then I met a little porcupine

and it showed to me a page:

that was a poetry of mine

 “what stupid verses, it shouted,

there’s no image, no sound

or something that I can eat”

“the Poetry” I said “is too bright for you

the wings can’t grow in the sludge”

 So guffawed the little porcupine

and it got away

jumping through the space and time 

 I’ve arranged the clouds all around the hill

but it seems is too late

to hear them singing

so I carried them far from here

I carried away, carried away

from here………from here.

 

 

 

6. E' solo un bacio

Accordatura standard per questa song.  Capo al 4° tasto. Eseguita con Martin 00028 standard. Il mio pensiero va ad Edward Elgar ed alle sue bellissime Enigma Variations. Il tentativo di comporre un'idea dell'eros lontana dalle tetraggini contemporanee. Un eros la cui massima forza espressiva diviene la tenerezza.

 

 

 

 

 

 

 

(Germano Del Mastro: Specchio di vite passate; acrilico su tela  100x70 )

 

 

 

7. Core mio

Questa canzone è il risultato di un esperimento: mettere insieme una parte musicale "celtic oriented" con un testo napoletano.  Eseguita con Martin 00028 VS.

Core mio, n’ ha spaso argiento,

‘stu Tiempo  ‘nvriuso,

ncopp’ ‘e trezze toie d’oro!

ma si pensava e te fa’ ‘nu ddispietto

era sapè tu qua’ segreto saie:

ch’ p’ogni sfreggio ca te fa

‘st’ anema mia cchiù bbene te vularrà,

‘n’ anema ca te chiamm’ Ammore!

 Vita mia, e tu ddincello…

ca si ‘n te lassa ‘n pace

hav’ a che ffa cu mico…

oi Tiemp’ Tie’, ma tu che capa tiene…

che quand’ vide cosa bella ‘a scasse

ma chesta vota no’ ‘o può fa’

pecch’ io canosc’ ‘a legge che te fermarrà

‘na legge ca si cchiamma Ammore…

 Viene, oi nenna nè

e canta ‘sta canzona appriess’ a me

canzona ch’ ‘ncatena

‘o mmale ca sperisce e c’ sferzà

deh viene, oi nenna né,

tu canta ‘sta canzona appriess’ a me…

 Si quaccuno po’ te port’ ditto

ca nu’ mme vede cchiù,

ca io add’o’ sto nu’ ssape

tu nu’ pensà ca t’aggio abbandunata

o ch’ oramai n’ me piglio cura ‘e te

solo ch’ pe’ n’ te fa ‘nquità

m’aggio purtato ‘o Tiemp’ nfino a  ca

e pe’ l’atrattenè nu’ pozz’ cchiù turnà da te

 

 

 

8. Tutto quello che so di te

Si tratta di una dichiarazione d'amore. Amore che scaturisce dal mistero  dell'altro, dall'irriducibiltà di quella vita palpitante a poche linee di files stipate nella nostra mente. Eseguita con Martin 00028 standard.

 

 

 

 

(Germano Del Mastro: Five Energies; acrilico su tela  80x80 )

 

 

 

9. Rivendell

 

Ancora un brano nella celtica DADGAD. Ispirato alla saga di J.R.R. Tolkien ed al mitico reame degli elfi: Rivendell. Eseguito con la mia Rosie: una Martin 00028VS.

                                                                                

                                                                                                         

 

 

10. Barchette di carta

Una canzone scritta in una accordatura molto particolare: CGE-GCD.

E alla fine dovremo trovare
il coraggio per navigare,
per traversarlo questo mare,
mare senza un nome che bagna
l'ultima spiaggia della vita,
della nostra vita.

Ormeggiato quasi a riva,
c'aspetta un piccolo vascello
fatto con fogli di giornale

A un certo punto ci ritroveremo
con il timone tra le dita
senza nessuna la rotta da seguire,
gli occhi socchiusi contro il sole
ci lasceremo penetrare
da quel magnifico chiarore

tornano a galla i ricordi
bolle da abissi insondabili
piene dei nostri rimpianti
colme del nostro dolore

Proveremo a respirare
insieme al modo intorno a noi
tanto non dovrebbe farci troppo male
ora cala la stanchezza
come neve viene giù
in mezzo al cuore
proveremo a respirare
mentre il mondo se ne va
mentre tutto intorno a noi scompare
ora cala la tristezza
come neve viene giù
in mezzo al cuore

E quando alla fine l'avremo trovato
quel coraggio da naviganti
il mare forse non ci sarà più,
sarà un ricordo dimenticato
un enigma oramai insoluto
un orizzonte oltre lo spazio
per noi costretti a vagare
per sempre sopra un vascello
fatto di carta di giornale

 

 

 

 

 

 

(Germano Del Mastro: La porta della Luce acrilico su tela  120x70 )

 

 

 

11. Piccola Stella

Brano in DADGAD composto per la mia dolce M. C.. Eseguito con Ariel: la mia Lowden O25.

 

 

 

 

 

 

12. El mi recuerdo de Astor

 

 

Non imitare colui, che temendo l'imminente oscurità,  a stento s'avvede della maestosa bellezza del tramonto.

 

"Gli uomini periscono perchè non sanno congiungere il principio alla fine"

Alcmeone di Crotone